Font Size

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA NATURALISTICA

Il corso verrà condotto da Marco Branchi, esperto fotografo naturalista, e ha la finalità di promuovere la fotografia naturalistica. È articolato in 8 lezioni di cui 6 incontri in aula di mercoledì dalle ore 17.30 alle ore 19.30, presso la sede del Parco dei Castelli Romani di Monte Porzio Catone, e 2 sul campo, all’interno del territorio del Parco. Gli incontri avranno come soggetti la descrizione del paesaggio, la flora, la fauna e i vari aspetti naturalistici

CONTRIBUTO: € 50,00
CALENDARIO: 10, 17, 24 maggio, 7, 14, 21 giugno in aula ore 17.30-19.30; sul campo: 31 maggio (pomeriggio) e 17 giugno (sabato mattina)
INFO E PRENOTAZIONI: Parco 0694799308 - Marco Branchi  3771124749

Torna anche questa primavera il corso base di fotografia organizzato dal Parco Regionale dei Castelli Romani all'interno della nuova edizione di Cose Mai Viste 2.0
A partire dall'11 maggio 2016 per sei mercoledì dalle 17.30 alle 19.30 nei locali ex Stefer di Piazza Trieste 11 a Monte Porzio Catone


Domenica 4 ottobre 2015. Appuntamento per la seconda uscita alle ore 9,00 all'entrata del Monumeto Naturale di Torre Flavia, in Via Roma a Ladispoli. La riserva si può raggiungere sia dalla via Aurelia, S.S.1, uscendo a Ladispoli-Cerveteri, sia dall'autostrada A12 Roma-Civitavecchia, uscita Ladispoli-Cerveteri. La palude è una zona di notevole importanza per la tutela dell'avifauna migratoria e per la conservazione di un ambiente unico di quello che era  l'ambiente costiero laziale. Dalla spiaggia e alle spalle di uno stretto cordone dunale si estendono gli specchi d'acqua, che sono circondati dal canneto e che nel periodo invernale sono di frequente allagati. Per Domenica la giornata è incentrata sul controllo della luce e sul riempimento dell'immagine. Consigliate ottiche grandangolari e normali, utile anche un mediotele. Utili,  filtri per chi li ha, i filtri ND e Polarizzatore. Chi vuole può anche dedicarsi alle riprese di volatili con il supertele, visto la presenza di una discreta avifauna tipica degli ambienti paludosi e di litorale. Scarpe adatte e abbigliamento adatto alla protezione contro il vento. Si termina alle 13. Per chi vuole rimanere a fotografare anche il pomeriggio, può spostarsi a Santa Severa, dove è possibile ottenere buone immagini sul mare e sul Castello, specialmente verso il tramonto.

 

Il Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise è il più antico Parco Nazionale italiano, noto a livello internazionale per il ruolo avuto nella conservazione di alcune fra le specie faunistiche più importanti, quali il Lupo, il Camoscio d'Abruzzo e l'Orso bruno marsicano nonché per le prime e numerose iniziative per la modernizzazione e la diffusione dell'ambientalismo localizzato. I due terzi della superficie del Parco sono ricoperti da faggete. Il Parco si estende prevalentemente in territorio montano e a pascolo. Il nostro appuntamento di domenica 7 giugno è al parcheggio, in fondo al centro storico, di Civitella Alfedena. Qui inizia il sentiero che facilmente porta in un'ora, un'ora e dieci, alla Camosciara, punto d'arrivo della nostra camminata. Dal piazzale della Camosciara in pochi minuti si raggiungono la Cascata delle Tre cannelle e la Cascata delle Ninfe. Il percorso è l'ideale per le riprese di paesaggi, comprendendo alcuni dei punti paesaggistici più belli del Parco Nazionale. Lungo il sentiero, sulla nostra sinistra avremo il Monte Petroso, e proseguendo, davanti ai nostri occhi si aprirà una bellissima veduta sul Monte Marsicano e sulle estese faggete verso la Camosciara e la Valfondillo. Proseguendo si scende e attraversando il torrente Scerto si arriva al piazzale. Qui rivolgete lo sguardo verso l'alto, è possibile avvistare sua maestà: l'Aquila Reale. Per l'abbigliamento tenete presente che anche se è estate, stiamo pur sempre in montagna. L'acqua è disponibile sia alle fontane nel paese, sia a metà percorso che alla fine. L'attrezzatura fotografica consigliata è la solita. Grandangolo e mediotele. Anche se io insisto a dirvi di provare a fotografare anche con l'ottica "normale", 35mm o 50mm. I patiti della macro avranno tantissime possibilità di fotografare; chi non ha problemi di portare pesi, potrà utilizzare con profitto il supertele. Potrete sfogarvi col vostro filtro Nd sia alle cascate che lungo il torrente, che offre bellissime inquadrature. Polarizzatore con voi. Per chi non ha con se panini, all'arrivo ci si potrà rifocillare al bar. Per chi volesse partire il sabato per l'alloggio c'è solo l'imbarazzo della scelta. Consigliati a Civitella Alfedena "La Torre" e i "4 Camosci". Se prenotate alla "Torre" (telefono 0864 890121) dite al gestore che fate parte del mio gruppo. Per cenare, diverse possibilità anche a Villetta Barrea (2 km), oltre al leggendario ristorante "Il Transumante" del mitico Nunzio.